News

Check out market updates

Vantaggi e svantaggi delle case prefabbricate

Negli ultimi tempi il settore dell’edilizia è stato preso d’assalto dal fenomeno delle case prefabbricate. Un’importante novità capace di apportare numerosi benefici e che ha riguardato anche il nostro paese.  Alternativa alle comuni abitazioni per privati, sta prendendo piede in maniera esponenziale, dati i costi ridotti e la velocità di realizzazione dell’edificio. Ideale per coniugare le necessità di ottimizzare gli spazi con un elevato livello qualitativo.

Le case prefabbricate non hanno nulla da invidiare rispetto alle costruzioni standard; esse offrono qualità costruttiva, eccellenza dei materiali, design piacevole e hanno prezzi a lungo termine relativamente inferiori. Dati significativi che hanno portato, collateralmente, ad associare un errato stereotipo alle costruzioni prefabbricate, considerate dai più come case a basso costo, quindi di basso profilo. Nulla di più inesatto. Le ville prefabbricate nulla hanno a che fare con i container o i rifugi di basso profilo, sono completamente personalizzabili sia nella disposizione degli spazi sia nella metratura.

Negli ultimi anni numerose aziende edili hanno iniziato a guardare con interesse questa tipologia di fabbricazione, attratti soprattutto dalla velocità di realizzazione dell’immobile, partendo da moduli precostruiti e successivamente assemblati nel sito di costruzione. Questo implica un ridotto utilizzo di macchinari e di minore manodopera in cantiere, a vantaggio di un prodotto terminato in un tempo relativamente breve.

 

La prefabbricazione applicata al lusso

Alla luce dei notevoli benefici elencati nelle precedenti righe, il termine “prefabbricato” non deve essere necessariamente abbinato all’idea di risparmio. Questa tipologia di edificazione viene utilizzata anche per la realizzazione di ville di lusso. Abitazioni con ampi spazi, finiture lussuose, e a più piani. Dallo stile rustico o moderno, minimal o vintage, con l’utilizzo anche di altri materiali, quali ad esempio il vetro, per rendere più intima e personalizzata la dimora dei propri sogni.

I materiali maggiormente utilizzati nella costruzione di abitazioni prefabbricate sono l’acciaio e il legno, ma non manca anche il cemento. A seguire analizzeremo le caratteristiche, i vantaggi e gli svantaggi di queste abitazioni, rispetto a quelle classiche.

 

Case prefabbricate in acciaio

Parimenti al legno, anche l’acciaio viene utilizzato per le case prefabbricate. Una tendenza in forte crescita, merito della sua affidabilità, qualità e durata nel tempo. Naturalmente l’acciaio viene utilizzato nella realizzazione del telaio e della struttura portante, gli altri elementi e le finiture possono essere realizzate in legno o altri materiali, in base al gusto del cliente. La maggior parte della case in acciaio, sono realizzate con il metodo Cold Steel Frame.

Gli edifici in acciaio hanno caratteristiche che comportano i seguenti vantaggi:

  • versatilità. L’acciaio è un materiale prevalentemente malleabile, che può essere adoperato per varie tipologie di costruzione. Leggero e duttile, facilita il trasporto e il montaggio dei moduli prefabbricati in cantiere;
  • velocità edi edificazione. La costruzione può essere terminata di un tempo da va dai 2 ai 4 mesi;
  • caratteristiche isolanti. I pannelli isolanti metallici impiegati per coperture e pareti hanno un alto coefficiente isotermico e sono adatti per costruzioni residenziali, industriali, commerciali e zootecniche;
  • caratteristiche antisismiche. La struttura in acciaio assorbe l’energia sismica sprigionata da un terremoto, smorzandone l’azione;
  • caratteristiche antincendio. L’alta resistenza al fuoco della struttura è data dagli specifici trattamenti cui viene sottoposta oppure dalla presenza di pannelli isolanti che assicurano un’eccellente resistenza al fuoco;
  • caratteristiche anti corrosive. La presenza di lamiere zincate a caldo conferisce all’abitazione importanti proprietà anti corrosione che, nel tempo, di ripercuotono positivamente sui costi di manutenzione che, nel caso delle abitazioni in acciaio, sono nulli. L’acciaio è anche resistente all’azione di termiti e funghi;
  • risparmio a lungo termine. Il vantaggioso rapporto qualità prezzo assicura un reale risparmio a lungo termine.

Come ogni metodo costruttivo, anche l’acciaio presenta alcuni punti deboli:

  • costi di edificazione. La spesa da sostenere per la costruzione di una bella abitazione in acciaio, infatti, è pari o, in alcuni casi, maggiore, rispetto a quella delle costruzioni che utilizzano materiali tradizionali, come il cemento o la muratura. Questi costi, però, vengono controbilanciati da un risparmio successivo dato dagli azzerati costi di manutenzione, visto che la casa non necessita di ulteriori interventi nemmeno in case di eventi sismici.

 

Case prefabbricate in legno

Il legno è uno dei materiali prediletti sia dai costruttori sia dai clienti. Questo è dovuto principalmente alle sue proprietà fisiche, alla sua  ecosostenibilità e al suo essere facilmente smaltibile.

Vantaggi dell’impiego del legno nella costruzione di abitazioni:

  • proprietà antisismiche. Le case in legno sono resistenti a scosse fino al 7° grado della scala Mercalli. E’ un materiale leggero ma molto resistente, che assorbe integralmente l’energia sprigionata dal terremoto, riducendo sensibilmente il fattore di rischio di crolli o danni strutturali;
  • proprietà isolanti termo-acustiche. Una casa in legno adeguatamente isolata comporta un risparmio in denaro sui costi di gestione, grazie ad un ridotto uso del condizionatore in estate e del riscaldamento in inverno;
  • proprietà antincendio. Il legno viene trattato con sostanze ignifughe per resistere a possibili incendi;
  • eco sostenibilità. L’abbinamento dei pannelli fotovoltaici permette un forte risparmio energetico, tramite la produzione in loco di energia. L’installazione dei pannelli solari, inoltre, dà la possibilità di avere acqua calda sempre a disposizione;
  • ottime prestazione energetiche. Le costruzioni in legno di nuova generazione rientrano nelle categorie energetiche A e B;
  • velocità di edificazione. La costruzione di una casa prefabbricata in legno può essere completata tra i 2 ed i 5 mesi;
  • costi relativamente ridotti. Rispetto ad un’abitazione tradizionale, dal costo medio di 1900 euro al mq, costruire in legno può consentire un risparmio di circa 700 euro al mq;
  • lunga durata. Una casa in legno dura a lungo e mantiene nel tempo alti standard di sicurezza

Di seguito i limiti delle case in legno:

  • ridotte modifiche progettuali. Trattandosi di una struttura ben definita, le personalizzazioni possono essere limitate. L’eliminazione di una parete, per fare un esempio, richiederebbe una spesa ingente.
  • limiti di costruttivi. E’ consigliato l’uso del legno per abitazioni prefabbricate alte al massimo due piani;
  • elevati e periodici costi di manutenzione. E’ consigliata una manutenzione annuale dell’immobile con l’uso di preservanti e insetticidi per garantire una costante protezione della struttura dai fenomeni atmosferici, come l’irraggiamento solare e, soprattutto, dalle infiltrazioni d’acqua;
  • dimensioni minime. Il risparmio economico è presente per abitazioni di dimensioni medio-grandi. Se si desidera un’abitazione di dimensioni contenute, il legno non è il materiale ideale per ottenere un beneficio in termini di risparmio.

 

Case prefabbricate in cemento e laterizio

Le prefabbricate in cemento sono costruzioni a umido, caratterizzate dalla presenza di cemento armato, il più classico dei materiali utilizzati nel settore edile. Le costruzioni in cemento sono costituite da barre di ferro e calcestruzzo. Hanno caratteristiche di resistenza e trazione. Presentano una parte in laterizio, in mattoni, sia per la realizzazione del tetto sia come rivestimento delle parenti esterne, con funzione estetica.

Vantaggi delle costruzioni prefabbricate in cemento:

  • abbassamento livello di umidità. La presenza di umidità è uno dei punti deboli della costruzioni tradizionali, in cemento e laterizio;
  • struttura antisismica. Dichiarata tale dal Ministero dei Lavori Pubblici;
  • costi ridotti. E’ possibile costruire la propria abitazione con un costo di soli 1000 euro al mq.

Limiti delle costruzioni in cemento:

  • impossibilità di effettuare modifiche strutturali;
  • scarso isolamento termico. Dato l’esiguo spessore delle pareti, il calore viene trattenuto molto meno;
  • scarso livello di sicurezza. Si tratta di abitazioni particolarmente pesanti che possono rappresentare un rischio in caso di crollo dovuto ad eventi sismici.