News

Check out market updates

Bioedilizia prefabbricata con struttura in acciaio

Idea Building costruisce case in bioedilizia prefabbricata, in particolare con struttura portante in acciaio.

Estetica, comfort, spazi vitali ma anche sicurezza e protezione. Il tutto senza spendere una fortuna, e possibilmente rispettando l’ambiente e preferendo l’utilizzo di energie rinnovabili. Sono sostanzialmente queste le caratteristiche della casa del futuro, anche se forse vale la pena dire del presente, visto che la tendenza ad adottare questi criteri come primari per la realizzazione di una nuova abitazione sembrerebbe in aumento, specialmente nei paesi più avanzati dal punto di vista industriale e tecnologico.

Negli USA, ma anche in Canada e nei Paesi scandinavi vediamo come le case prefabbricate stiano riscuotendo sempre più successo, in quanto i loro vantaggi rispetto alle precedenti tecniche di costruzione sono a dir poco evidenti e tangibili. La bioedilizia sta quindi facendo passi da gigante, anche per via delle strepitose proprietà dei materiali maggiormente impiegati per la realizzazione di questi fabbricati: pensiamo ad esempio al legno e all’acciaio, che vengono scelti soprattutto per la loro eccellente antisismicità. Un fattore che in Italia fa chiaramente la differenza, visto che quasi tutto il territorio del nostro amato Belpaese è interessato da faglie più o meno pericolose, che possono scatenare terremoti anche molto violenti.

Ecosostenibilità, quindi: è questa la parola d’ordine, che racchiude tutti quei concetti a cui facevamo riferimento all’inizio, dato che proteggere la natura, così come l’incolumità e la salvaguardia di se stessi e dei propri cari, è una necessità a cui nessuno si può sottrarre. La casa prefabbricata in bioedilizia si pone proprio questo obiettivo, ovvero garantire il più totale benessere con una stuttura che saprà convivere perfettamente con l’ambiente circostante, tramite un progetto volto allo sviluppo di tecnologie caratterizzate da un basso impatto ambientale.

Le case prefabbricate in bioedilizia presentano una lunga serie di vantaggi. Su alcuni ci siamo già soffermati, come appunto la straordinaria resistenza alle scosse sismiche, grazie alla capacità (ad esempio dell’acciaio, ndr) di dissipare l’energia prodotta dal sisma e garantire elasticità all’intera struttura. Poi c’è tutto il discorso che fa riferimento al risparmio energetico, dovuto alla combinazione di materiali eco compatibili utilizzati per la realizzazione delle pareti, del tetto e dei solai. Grazie proprio a questa combinazione si viene a realizzare un isolamento termo-acustico di altissimo livello: l’abitazione prefabbricata in bioedilizia assicura una perdita di calore prossima allo zero durante il periodo invernale e un gradevole raffrescamento durante il periodo estivo.

Un altro punto a favore della costruzione prefabbricata in bioedilizia è senz’altro la tempistica di realizzazione della stessa, che è decisamente più basso rispetto alle case in cemento armato o in muratura. Generalmente, se nell’edilizia tradizionale sono necessari due o tre anni per completare il manufatto, per una struttura in bioedilizia “chiavi in mano” si va da un minimo di tre ad un massimo di sei mesi. Inoltre, grazie alla fase di pre-assemblaggio (che viene svolta precedentemente in azienda, ndr), le pareti giungono in cantiere già realizzate, quindi basterà montarle e agganciarle.

La tempistica così rapida comporta un immediato vantaggio anche in termini di spese. I costi di cantiere vengono praticamente abbattuti, anche perchè la movimentazione viene ridotta al minimo. Inoltre, con un cantiere aperto solo per pochi mesi, al cliente non verranno addebitati incenti costi derivanti dalle utenze (elettricità, acqua, ecc..). Anche dal punto di vista della sicurezza in cantiere, la casa prefabbricata in bioedilizia è senza dubbio migliore (pareti solo da montare) e, di conseguenza, meno “onerosa”.

Ma la casa prefabbricata in bioedilizia comporta anche qualche svantaggio? Tendenzialmente no, anche se bisogna stare attenti su alcuni aspetti. Ad esempio, bisogna scegliere bene la ditta a cui affidarsi per svolgere i lavori, in quanto i materiali da lavorare non sono semplici e richiedono un alto livello di preparazione e competenza. Il rischio di imbattersi in materiale scadente nella qualità e nella stagionatura è basso, almeno nel caso dell’acciaio, ma non è nemmeno da escludere a priori: per questo, è sempre opportuno documentarsi a dovere sulla ditta che si sceglie di incaricare per l’esecuzione dei lavori.